Oggi : -

Oggi : -

Contenuto Corrente : www.SeViPiace.it > Sostegni alle Famiglie : Assegni casalinghe , disoccupate e Asilo Nido – Come richiederli …

 

Sostegni alle Famiglie : Assegni casalinghe , disoccupate , Asilo nido – Come richiederli …

 

Bonus casalinghe

Mamma a tempo pieno? Disoccupata? Ecco tutto quello che c’è da sapere riguardo i bonus per mamme casalinghe e mamme che non lavorano! Non solo: ecco quali sono gli aiuti economici che spettano alle famiglie in difficoltà.

Bonus famiglie

Lo Stato mette a disposizione delle agevolazioni e degli aiuti economici per le famiglie italiane. Gli obiettivi sono vari e diversi. Il primo è sicuramente quello di sostenere le famiglie in difficoltà economica, infatti, alcuni bonus si ottengono solo se si hanno dei requisiti come ad esempio reddito basso o disoccupazione.

Il secondo obiettivo, invece, è quello di affrontare il crollo demografico incentivando le nascite attraverso dei bonus, vedi bonus famiglie numerose. Un ulteriore compito dei bonus sociali è quello di sostenere le mamme a tempo pieno rimaste sole e con figli a carico.

Bonus Inps

È l’Inps il principale ente ad erogare gli aiuti alle famiglie.

Domandine Inps: tutto quello che occorre sapere per richiedere bonus ed agevolazioni a sostegno del reddito. Primo tra tutti il “premio alla nascita”, si tratta cioè di un assegno pari ad 800 euro che spetta alle famiglie in cui è nato un bebè dal 1° gennaio 2017. Tutte le future madri, casalinghe comprese, possono presentare relativa domanda a partire dal settimo mese di gravidanza.

Bonus disoccupati

Aiuti per disoccupati senza reddito? Per sostenere le famiglie in difficoltà economica, lo Stato interviene con il sostegno per l’inclusione (SIA). Si tratta di un sussidio concesso per 12 mesi, con cadenza bimestrale. È diretto anche ai nuclei familiari composti da un solo genitore con figli minorenni, quindi rientrano le donne separate sole.

L’importo varia a seconda del nucleo familiare, quindi dal numero dei membri. Ad esempio, se il nucleo familiare è composto da due soli membri l’importo ammonta a 160 euro mensili, mentre se la famiglia è composta da 4 membri la cifra salirà a 320 euro. Una sola condizione necessaria è l’Isee che non deve superare i 3.000 euro.

Agevolazioni per disoccupati

Tra gli aiuti economici per disoccupati che hanno famiglia è prevista la carta acquista elettronica REI. È un bonus sociale riservato ai nuclei familiari con figli minorenni, figli con disabilità, donna in attesa e membri disoccupati che abbiano compiuto 55 anni. L’isee, però, non deve superare i 6.000 euro. La carta Rei può ammontare fino ad un massimo di 485 euro e verrà erogata da gennaio 2018.

Sostegno al reddito

Per sostenere le spese delle famiglie, da luglio 2017 è previsto un contributo massimo di 1.000 euro per il pagamento delle rette per la frequenza di asilo nido e forme di assistenza domiciliare per bambini affetti da gravi malattie. Il bonus è chiamato semplicemente bonus nido. Il genitore può presentare domanda all’Inps se il figlio è nato dal 1° gennaio 2016. L’importo è erogato mensilmente per un totale di 11 mensilità pari a 90,91 euro massimo.

Bonus nido mille euro: requisiti e come fare domanda

Bonus nido

Una nuova misura di sostegno al reddito per le famiglie italiane è stata attivata, che non prevede delle detrazioni per asili nido. Infatti si tratta di una quota economica pari a circa 1000 euro per pagare la retta mensile alla scuola per i bambini che hanno meno di 3 anni. Il bonus nido è un aiuto concreto per chi ha bisogno di trovare un luogo sicuro dove lasciare i propri piccoli.

Baby

I bonus infanzia sono tanti a disposizione dei nuclei familiari e alcuni di questi non dipendono dal reddito come questo per il nido o il premio nascita detto anche bonus mamma domani. Un bonus figlio di 800 euro per tutti i nuovi nati a cui si può abbinare anche l’assegno di natalità, che invece prevede, un ISEE non superiore a 25 mila euro. In questo caso chi ha avuto o adottato o preso in affidamento un bambino dal 1 gennaio 201 al 31 dicembre 2017 può ottenere 80 euro al mese per tre anni.

Asilo nido

Il bonus per asili nido, invece, è destinato a tutte le famiglie che ne fanno richiesta, indipendentemente dalla propria condizione economica. L’importante è aver avuto o preso in affido o adottato un bambino a partire dal 1 gennaio 2016. La misura economica deve essere impiegata per pagare la retta degli asili privati riconosciuti o quelli pubblici e anche per coprire le spese per un’assistenza domiciliare per i bimbi sotto i 3 anni che presentano gravi patologie croniche.

Asili nido

Per ottenere il bonus 2017 per il nido, inoltre, la domanda va presentata a partire dal 17 luglio fino al 31 dicembre 2017. È importante fare la richiesta al più presto perchè una volta terminati i fondi, cioè i 144 milioni previsti per questa manovra, non verranno più accettate le domande.

Cose da sapere

Una volta capito come come richiedere il bonus nido questo arriverà al richiedente mensilmente. Il genitore del bimbo, però, può decidere se utilizzare questi soldi per pagare le rette dell’anno scolastico nel periodo compreso tra gennaio e luglio 2017 o per quelle da settembre 2017 in poi. L’importante è che sulle ricevute emanate dalla scuola ci sia il codice fiscale della persona che ha fatto richiesta dell’agevolazione economica.

 

Fonte :  www.passionemamma.it

 


Tags per ricerca interna al sito :
* #blog , #articolo , #articoli , #post , *#informazione , #casalinga , #casalinghe , #donne , #disoccupate , #disoccupazione , #asilo #nido , #bebè ,  #sussidio , #bonus , #sevipiace , #esterno , #temporaneo *

 
 
 

Contenuto Corrente : www.SeViPiace.it > Sostegni alle Famiglie : Assegni casalinghe , disoccupate e Asilo Nido – Come richiederli …

Condividi :
Pagina Precedente